E-mail
Stampa
PDF

Didattica - POF

E’ meglio una testa ben fatta che una testa ben piena

 (E. Morin)

LE SCELTE PEDAGOGICO-DIDATTICHE

Per valorizzare e rendere concreta l’identità culturale e progettuale dell’Istituto, il piano didattico è stato ideato seguendo alcune finalità educative che hanno come punto centrale la persona, i suoi bisogni e la sua formazione di cittadino responsabile. L’obiettivo primario non sono i contenuti della programmazione, ma la crescita e la maturazione dell’alunno così da facilitarlo a realizzare scelte personali.

Allo scopo di superare le tradizionali impostazioni curricolari, l’Istituto ha cercato soluzioni responsabili, trasformando autonomamente le modalità e gli strumenti della programmazione educativa e didattica. Nell’elaborazione dei piani di studio ha preso in considerazione due principi fondamentali: “chi” apprende e il “che cosa” apprende.

Di fronte a questo compito di consapevolezza si è venuta a delineare, da parte della scuola, una strategia vincente, che consiste nell’individuazione delle richieste formative che rispecchiano le esigenze degli alunni, delle famiglie e, più in generale, del territorio. Riconosciuti i bisogni e le richieste degli alunni, sono state individuate le competenze atte ad interpretarli e avviati i progetti ideati da singoli o da gruppi di docenti. Le scelte sono elaborate allo scopo di migliorare l’offerta formativa, di valorizzare le diverse forme di flessibilità (gruppo classe, orario, calendario e così via), ma anche rispondono alla necessità di diminuire i fenomeni del disagio e della dispersione scolastica.

Inoltre il ricorso a compiti di realtà permette agli alunni di curare una preparazione concreta, dalla quale risalire alla teoria.

Una scuola in grado di offrire ai propri utenti la giusta “attrezzatura” morale, culturale e professionale per capire il presente ed agire nell’ottica del futuro.

Un ISTITUTO COME LABORATORIO nel quale la regola generale è “certificare le conoscenze e le capacità sviluppate”, siano esse strettamente scolastiche o complementari.

Il POI dell’Istituto, secondo le linee di intervento delineate nel trattato di Lisbona, fa proprie le otto competenze chiave di cittadinanza, che tutti gli studenti devono acquisire nel percorso scolastico per entrare da protagonisti nella vita di domani. Competenze necessarie per la costruzione ed il pieno sviluppo della loro persona, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale.




I giovani possono acquisire le competenze chiave di cittadinanza attraverso le conoscenze e le abilità riferite a competenze di base delle TIC.


Il progetto didattico-educativo dell’Istituto intende fornire un servizio in termini di qualità, partendo dai bisogni degli allievi, ed è impostato su una programmazione che si svolge a livello di Collegio Docenti, Consiglio di Classe e discipline.




Gli obiettivi sono perseguiti sia attraverso vari percorsi formativi che attraverso processi di ricerca e di innovazione didattica, progettati al fine del continuo miglioramento del processo di insegnamento-apprendimento, anche alo scopo di limitare il fenomeno della dispersione scolastica.




pofNel redigere il piano dell'offerta formativa abbiamo tenuto conto delle richieste del territorio, delle risorse materiali e umane di cui disponiamo e abbiamo ritenuto di dare alle nostre attività e al nostro fare scuola quotidiano una forte connotazione orientativa, che esalti le caratteristiche innovative riguardanti la flessibilità la responsabilità oltre che l'integrazione.


La flessibilità: l'attività didattica e organizzativa dell'I.S.I.S.S. "M.Polo-C.Cattaneo", ha la funzione di permettere a ciascun alunno , attraverso un insegnamento individualizzato, di apprendere secondo i propri ritmi e le proprie inclinazioni conoscenze e competenze.


La responsabilità: di permettere agli alunni di conseguire competenze di base, trasversali e tecnico- professionali attraverso verifiche, valutazioni e certificazioni interne ed esterne al nostro Istituto, spendibili nel mondo del lavoro come crediti formativi e professionali.


L'integrazione: attraverso le attività dell'area detta appunto "di integrazione", concentrata per il biennio in due full immersions, per le classi terze in esperienze tecnico- professionali e microstages di orientamento e nel biennio post-qualifica in attività professionalizzanti e stages, che hanno la finalità non solo di permettere agli studenti di conoscere le proprie inclinazioni, ma anche di orientarli fra le attività del territorio e renderli consapevoli dei possibili sbocchi professionali.






Tags: che  una  del  dell  competenze  istituto  attraverso  nel  della  delle  

DOCUMENTI DISPONIBILI

area studenti

AREA STUDENTI

area Ata

AREA A.T.A.

c ecdl

c haccp

c ebcl



Sito web realizzato con software OpenSource Joomla

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE SUL MATERIALE

Seguici sui social network

  • Facebook Page: #
  • Twitter: PoloCattaneo
  • YouTube: polocattaneo